Hockey a Rotelle, Serie A quinta giornata: occhi puntati sul big match Milano-Ferrara. Tornano in pista Asiago e Vicenza

Monleale, dopo lo stop di Trieste, va alla caccia dei 3 punti con Piacenza mentre Trieste – Cittadella è uno scontro diretto tutto da seguire 
Chi si ferma è perduto. Una volta scesi in pista per il giro veloce non ci si può tirare indietro, sono quei momenti che possono fare la differenza ai fini di una corsa, quindi nessuna esitazione, nessuna sbandata se non si vogliono perdere posizioni rischiando di rimanere inghiottiti dal gruppo. Il nostro giro veloce in questo caso è un doppio turno di Serie A che si giocherà tra sabato e lunedì, due giorni che non concederanno né tregua né sconti alle formazioni che scenderanno in pista. Un’opportunità per gli appassionati che già si sfregano le mani per questa full immersion hockeistica e per le squadre che potranno così alzare il loro ritmo e conquistare punti. In sintesi questa due giorni sarà una sorta di mini gran premio, dove giocarsi molte possibilità e, perché no, riuscire a stappare qualche “bottiglia di champagne” che per noi non sono altro che i punti messi in palio. Niente motori, ma ruote altrettanto bollenti e pronte a stridere sulle piste.
Uno di due – Come anticipato, la giornata di sabato è la prima di questo doppio appuntamento ed è giusto dedicarsi ad essa. A tornare (finalmente) in pista è l’Asiago, in trasferta a Padova, che si presenterà con un atteggiamento più rilassato dopo l’annuncio della riapertura della pista di Via Cinque. Fine di un capitolo noir! La formazione dell’altopiano potrà ora canalizzare le proprie energie mentali e fisiche esclusivamente sul campionato già da questa settimana, ma la chiamata, andando a giocare in casa di una delle capoliste, è subito impegnativa come rivela Riccardo Schivo<< Secondo dei quattro derby veneti di stagione. Padova è una squadra molto giovane che negli ultimi tre anni sta facendo molto bene e noi dobbiamo pensare al nostro gioco e sbagliare il meno possibile. Sarà una partita molto difficile per noi visto le difficoltà che stiamo affrontando in questo inizio di stagione ma puntiamo comunque a fare del nostro meglio cambio dopo cambio e a guardare al risultato solo al termine dei 40 minuti >>. Ai Ghosts Padova l’onere di sfruttare i pochi allenamenti nelle gambe degli asiaghesi e di certo i ragazzi di Roberto Cantele scenderanno in pista per non fare sconti a nessuno, guidati da un veterano come Fabio Rigoni che lancia un chiaro messaggio agli arancio-neri: << Sabato sarà finalmente una partita vera, un bel test ed un’occasione per restare ai vertici tra le big. Contro abbiamo non solo un’ottima squadra, che è sicuramente cresciuta rispetto allo scorso campionato, ma una delle due compagini che a mio parere si contenderà l’accesso alla semifinale scudetto. Vogliamo di conseguenza mettere subito le cose in chiaro e mandare un messaggio a tutti. Sappiamo che attualmente hanno dei problemi di logistica quindi cercheremo di sfruttare questo deficit pattinando il più possibile, la nostra ottima peculiarità, stando però molto attenti: è proprio quando una vipera è in difficoltà che tira fuori tutto il suo carattere. Visti i miei trascorsi questa gara ha un sapore speciale, in campo non ci sono amici ma solo compagni di squadra ed avversari. Vipere, riuscirete a morderci? >>.
Per rimanere in alta quota si attende lo scontro al vertice tra Milano e Ferrara, un vero big match tutto da seguire. Uno scontro nello scontro, torneranno infatti per la prima volta da avversari, sulla pista che li ha coccolati e regalato grandi emozioni -nonché trofei-, Alessio Lettera e Andrea Bellini passati in maglia estense questa estate. Dopo le ottime prestazioni di inizio stagione è giunta l’ora per Crivellari e compagni di dimostrare a tutti se davvero possono essere una formazione da tricolore. Alla vigilia è proprio uno dei grandi ex, Andrea Bellini a presentare la sfida: << Sabato ci aspetta una partita importante, soprattutto dal punto di vista mentale in quanto vestendo il ruolo di giocatore/allenatore assieme a Crivellari, stiamo cercando di apportare delle modifiche importanti ad una squadra come Ferrara. Ci aspetta una partita difficile contro una squadra dal roster veramente importante, che gioca un hockey molto intelligente e che conosco molto bene. Personalmente tornare a giocare contro Milano dopo le 5 fantastiche stagioni vissute al Quanta mi metterà un po’ in difficoltà dal punto di vista emotivo, perché una parte del cuore rimarrà sempre rosso-blu; ma sono anche pronto a lottare contro tutti i miei ex-compagni per confrontarmi con loro. Ci sarà da divertirsi in campo e questo mi rende molto felice. Auguro una buona partita a tutti! >>.  Che non sarà una gara facile né in pista né emotivamente lo si poteva immaginare, ma a togliere ogni dubbio sono le parole di Pietro Ederle: << Contro Ferrara è sulla carta la partita più difficile che abbiamo affrontato finora in campionato. Loro si sono rinforzati parecchio, anche pescando in casa nostra due pezzi da novanta. Non nascondo di essere personalmente molto legato a Lettera e Bellini, ma non è la prima volta che gioco contro degli amici e in pista non si guarda in faccia a nessuno. Il problema è che sono due amici parecchio forti! Quanto a noi, stiamo iniziando a ingranare anche se non abbiamo ancora mostrato tutto il potenziale. Complice qualche infortunio, ci manca un po’ di profondità nel roster, ma siamo in fiducia e pronti a dar battaglia>>.  
Dopo la sosta forzata ai box per il rinvio della gara contro Asiago anche il Vicenza torna a calcare la scena e sfogherà la propria voglia di giocare contro Verona. Se sul campo meneghino scorreranno adrenalina e ricordi, al Pala Ferrarin non sarà da meno. A rimettere i pattini su quella pista ci sarà Luca Roffo che, dopo la dolorosa separazione dai Diavoli, tornerà da ospite di fronte al pubblico che lo ha sempre sostenuto. Vicenza, con una gara de recuperare, non può permettersi nessuna battuta d’arresto, soprattutto in casa e da questa gara passa la sfida a distanza alle altre pretendenti al titolo. A parlare di questo importante appuntamento è Andrea Ustignani: << La squadra si sta allenando molto duramente e si sta formando un bellissimo gruppo; penso che sarà una gran annata e l’obiettivo di tutti è quello di vincere, di vincere qualsiasi cosa. Per quanto riguarda la sfida con Verona cominciamo ad avere i primi appuntamenti un po’ più importanti. Loro sono guidati dal nostro ex coach Angelo Roffo che sicuramente vorrà vendere cara la pelle, ed anche noi faremo lo stesso. Sarà bello incontrare dei nostri ex compagni e condividere momenti di hockey insieme, anche se da avversari. Sarà una partita molto difficile perché credo che loro esprimano un gioco migliore in un campo più piccolo e quindi bisognerà stare molto attenti: lo scorso anno il Verona ha fatto bene e quest’anno con gli innesti estivi, che hanno portato tanta esperienza, possono dar fastidio a tutte le squadre >>. A Verona spetta invece una gara del riscatto, dove rialzare subito la testa e reagire dopo l’ultimo turno come ammette il responsabile del settore hockey del Cus Rossano Freschi<< Archiviata la brutta sconfitta contro Milano è già ora di rialzare la testa e pensare alla prossima partita di campionato in casa dei Diavoli Vicenza. I ragazzi di coach Angelo Roffo, smaltite le tossine di una pessima prestazione contro i meneghini, devono cercare di concentrarsi al meglio per evitare un altro capitombolo, quindi per sabato ci aspettiamo una prestazione un po’ più attenta e diligente rispetto al  precedente match. Sarà infatti importante per noi cercare di contenere un Vicenza che sicuramente non vorrà perdere l’occasione per dimostrare di non essere da meno rispetto a Milano. Questo è il terzo incontro di fila contro una “big“, ma siamo sicuri che Sabaini e compagni saranno comunque pronti a fare tesoro degli errori fatti precedentemente ed a regalarci una prestazione degna di tale nome >>.
Ad una settimana dalla clamorosa sconfitta contro l’Edera il Monleale confida nella pista di casa per tornare a fare punti, ma per farlo dovrà fare i conti con la Lepis Piacenza. I piemontesi avranno passato una settimana nella quale si saranno posti qualche domanda circa gli errori commessi contro Trieste ed avranno lavorato su questa gara tutt’altro che scontata per reagire e ripartire come ammette in modo deciso e conciso Dylan Ghiglione<< Dopo la sconfitta contro l’Edera dobbiamo riscattarci e prenderci i tre punti, senza sottovalutare il Piacenza >>. Il bello di questo campionato nasce anche da questi episodi, nessuna sfida è semplice, tutto può accadere. In casa emiliana invece c’è la voglia di iniziare a fare risultati, cancellare lo zero in classifica e provare a fare un cenno che faccia capire che Piacenza può dire la propria come spera anche il DS Maurizio Varasi: << Dopo un ciclo impossibile dove abbiamo incontrato le prime quattro in classifica cominciamo ad incontrare squadre “terrestri”. Siamo assolutamente consapevoli che troveremo difficoltà con tutti ma almeno pensiamo di riuscire a giocarci le nostre chances. Monleale è una squadra ostica ma come sempre daremo il massimo >>.
 
Chi invece è passata dal ruolo di ultima della classe ad essere una squadra a destare curiosità è l’Edera Trieste che, dopo i primi tre punti conquistati nel precedente turno, ospiterà il Cittadella. La formazione giuliana che ora può contare su un momento di entusiasmo grazie alla vittoria contro Monleale e sull’arrivo dei primi rinforzi che hanno rinvigorito il roster, ha a disposizione un’altra gara alla portata. Una sfida che, al pari di quelle che mettono in palio la prima posizione, è tutta da seguire perché potrebbe riservare grandi sorprese. Ad avere le idee chiare in questa vigilia di preparazione è Jacopo Degano<< Il Cittadella, come le altre squadre di questo campionato è una formazione competitiva che dovremo affrontare a testa alta, rimanendo consapevoli delle nostre doti tecniche e di gioco. Sarà un match da affrontare con grinta e determinazione. Questa settimana di preparazione sarà fondamentale, anche per l’adattamento dei nuovi arrivati nel team agli schemi di gioco del nostro coach >>. Dal canto proprio il Cittadella dopo un avvio di stagione tutto in salita, sa che questa è un’occasione da non farsi sfuggire se si vogliono fare punti senza rischiare di rimanere troppo indietro rispetto alle concorrenti dirette alla salvezza. A riconoscere il delicato momento è anche Tommaso Torni: << Ci aspetta una partita molto importante su un campo difficile. Edera Trieste con gli ultimi rinforzi è una squadra di livello, come abbiamo avuto modo di vedere contro Monleale. Dobbiamo mettere in campo una grande prestazione seguendo gli aggiustamenti e i dettami del coach >>.
Ultimi momenti per aggiustare gli assetti, studiare le strategie e presentarsi al via. Il primo di due giri di fare è alle porte e noi siamo in prima fila per goderci lo spettacolo.
 
Serie A – Il programma della 5a giornata (sabato 30 ottobre 2021)
Ore 18:00 HC Milano – Ferrara Warriors (Arbitri: Grandini e Marri)
Ore 18:00 Diavoli Vicenza – Cus Verona (Zoppelletto e Lottaroli)
Ore 18:30 Ghosts Padova – Asiago Vipers (Gallo e Ferrini)
Ore 18:30 Monleale Sportleale – Lepis Piacenza (Mancina e Niederegger)
Ore 19:30 Edera Trieste – Cittadella Hockey (Slaviero e Rigoni M.)
 
La classifica dopo quattro giornate: HC Milano, Ghosts Padova punti 12, Diavoli Vicenza*, Ferrara Warriors* punti 9, Asiago Vipers**, Monleale Sportleale, Cus Verona, Edera Trieste punti 3, Cittadella Hockey e Lepis Piacenza punti 0

*una gara in meno
** due gare in meno