Giancarlo Pedote e Martin Le Pape arrivano sesti alla Transat Jacques Vabre 2021: la commozione per questo risultato.

L’arrivo di Giancarlo Pedote e Martin Le Pape, sesti alla 15ma Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre: i primi commenti e dichiarazioni

(foto) Giancarlo Pedote Martin Le Pape a bordo dell’IMOCA Prysmian Group all’arrivo della Transat Jacques Vabre 2021. Photo @Jean Marie LIOT

Domenica 28 novembre alle 8:44 (ora italiana), Giancarlo Pedote e Martin Le Pape hanno tagliato il traguardo della 15ma edizione della Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre, in sesta posizione nella categoria IMOCA.

Uno splendido risultato per il duo a bordo di Prysmian Group che nel corso delle 5.800 miglia teoriche della regata ha mantenuto un’ottima rotta, è riuscito a sfruttare al meglio il potenziale dell’imbarcazione e a tenere il passo dei grandi foiler, ma soprattutto ha lavorato con piena fiducia reciproca, ottenendo il massimo della performance.

«Considerando il livello dei concorrenti e il poco tempo passato insieme prima della partenza, questo sesto posto ha dell’incredibile! Il momento del passaggio della linea è stato molto emozionante per entrambi!», ha commentato Giancarlo Pedote.  

«Alla partenza a Le Havre, stimavamo che concludere nella Top 10 sarebbe già stata un’ottima prestazione. Siamo incredibilmente felici di aver concluso sesti, felici e commossi. Abbiamo anche versato qualche lacrima quando siamo arrivati. La gara è stata estenuante. Ventun giorni in mare non sono un’impresa da poco, anche se ci siamo divertiti molto a navigare insieme», ha confermato Martin.

Cercare di competere con gli IMOCA di ultima generazione tecnologicamente più avanzati ha richiesto il massimo impegno da parte dei navigatori che si sono prodigati con determinazione inesauribile e massima abnegazione. «Abbiamo dato il massimo dall’inizio alla fine. La regata è stata molto interessante anche se la meteorologia atipica, e attraversare due volte il Pot au Noir con le sue stasi è stato complesso. Siamo riusciti a fare una buona strategia nei passaggi chiave di Fromveur (tra l’arcipelago di Molène e l’isola di Ouessant, nel mer d’Iroise – ndr), Raz de Sein e alle Canarie, dove abbiamo cercato di cogliere al meglio ogni opportunità che si presentava per poter avanzare. Abbiamo regolato la barca continuamente, spostando ogni volta i pesi a bordo e questo ci ha consentito di mantenere la barca quasi sempre nelle velocità “target », ha commentato lo skipper di Prysmian Group.

L’intesa, una chiave per il successo

Un’attenta strategia e un impegno costante a raggiungere e mantenere le andature più veloci possibili, la buona intesa a bordo con il co-skipper Martin Le Pape e un’assoluta determinazione, hanno portato al risultato raggiunto. «In termini di dinamiche a bordo, non avrei potuto chiedere di meglio. Siamo stati in sintonia dall’inizio alla fine. La comunicazione tra di noi è sempre stata fluida e i compiti erano distribuiti in maniera chiara e bilanciata. Martin ha fatto un ottimo lavoro di routage e tattica e io ho potuto concentrarmi completamente sul far esprimere al meglio il potenziale della barca. C’è sempre stata una bella atmosfera a bordo e un ottimo stato d’animo. Abbiamo davvero lavorato in armonia!», ha dichiarato Giancarlo Pedote all’arrivo.

FORT DE FRANCE, MARTINIQUE – NOVEMBER 28 : Imoca Prysmian Group skippers Giancarlo Pedote and Martin le Pape are taking sixth place in their category of the Transat Jacques Vabre, in Fort de France, Martinique, on November 28, 2021. (Photo by Jean-Marie Liot / Alea)

«È stato un piacere navigare insieme. Avevamo piena fiducia uno nell’altro, eravamo complementari e complici. Oserei dire uno stato di grazia, non semplice da ottenere in regata. Sono molto felice di aver potuto vivere questa esperienza, di aver potuto esprimermi al meglio sul piano navigazione e anche felice di avere un nuovo amico», ha concluso Martin Le Pape.

La Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre:

la regata, il percorso

Nata nel 1993, la Transat Jacques Vabre è diventata la più lunga traversata atlantica in doppio che si articola sull’antica “rotta del caffè”. Quest’anno è arrivata alla sua 15ma edizione, ha cambiato percorso: il punto di partenza, ormai storico, è rimasto il bacino di Le Havre, mentre l’arrivo è stato spostato, per la prima volta nella storia della regata, dal Brasile in Martinica, a Fort-de-France.

FORT DE FRANCE, MARTINIQUE – NOVEMBER 28 : Imoca Prysmian Group skippers Giancarlo Pedote and Martin le Pape are taking sixth place in their category of the Transat Jacques Vabre, in Fort de France, Martinique, on November 28, 2021. (Photo by Jean-Marie Liot / Alea)

Un’altra novità di questa edizione 2021 sono state le rotte diversificate a seconda della classe dell’imbarcazione partecipante per fare in modo che, come ha dichiarato dal Comitato di regata “lo sforzo sportivo fosse lo stesso per tutti, perché spesso nelle regate transatlantiche le barche più piccole passano più tempo in mare”.

Quattro le classi ammesse alla Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre: Classe IMOCA (22 imbarcazioni in gara), Class40 (45), Ocean Fifty (ex Multi50 – 7) e Ultime (5).

Gli Imoca, classe di cui fa parte l’imbarcazione Prysmian Group del navigatore fiorentino, hanno percorso 5.800 miglia (10.700 km) teoriche, con una rotta che da le Havre è scesa fino all’arcipelago brasiliano di Fernando de Noronha per poi risalire verso l’arrivo in Martinica.

Giancarlo Pedote e Martin Le Pape, il duo a bordo di Prysmian Group

Giancarlo Pedote era alla sua quarta partecipazione alla Transat Jacques Vabre, di cui ha vinto l’edizione 2015 a bordo di un Multi50 con Erwan Le Roux. Quest’anno ha regatato per la seconda volta a bordo del 60 piedi Prysmian Group e ha scelto come co-skipper il figarista Martin Le Pape, classe 1988.

La traversata atlantica in doppio sarà valida in caso di un’eventuale selezione al Vendée Globe 2024, che si terranno nel caso in cui dovessero esserci più iscritti che posti disponibili.