Alla Reggia di Venaria, Luca Grusovin combatterà per il titolo mondiale Wako-Pro

Sabato 18 giugno, nella splendida Reggia di Venaria, in Piazza della Repubblica 4 a Venaria Reale (Torino) avrà luogo la dodicesima edizione di The Night of Kick and Punch, gala dedicato agli sport da ring che quest’anno avrà come protagonista la kickboxing stile K-1 che consente di colpire l’avversario con calci, pugni e ginocchiate. /foto:Grusvin in azione)

Denominata Black Tie Edition (edizione in cravatta nera), organizzata da Angelo Valente, in collaborazione con la Reggia di Venaria, con la Sap Fighting Style dell’Avv. Michele Briamonte come sponsor tecnico, con la partecipazione straordinaria di Elisabetta Canalis, la Night of Kick and Punch 12 sarà un evento ad invito in cui gli spettatori potranno assistere ai combattimenti seduti a tavola, gustando pietanze di alta cucina dopo aver bevuto un aperitivo nello spettacolare giardino della Reggia di Venaria. Presenterà Valerio Lamanna, la voce degli sport da combattimento in Italia.

Nel corso della serata, Luca Grusovin sfiderà il campione d’Europa Tito Macias (Spagna) per il vacante titolo mondiale dei pesi piuma (dai 56,500 ai 58,200 kg) della Wako-Pro sulla distanza delle 5 riprese da 3 minuti ciascuna. La Wako-Pro è la principale federazione internazionale di kickboxing ed è attiva in 130 paesi nei cinque continenti. Luca Grusovin fa parte del team di Angelo Valente e si allena sotto la sua direzione presso le palestre Kick and Punch in Via Sardegna 60 a Pieve Emanuele e Kick and Punch Downtown Milano nella centralissima Via Vivaio 1 nel capoluogo lombardo. Luca Grusovin ha avuto una bella carriera nel pugilato dilettantistico ed in seguito nella kickboxing professionistica. Nel clou della decima edizione della Night of Kick and Punch, il 14 dicembre 2019 al Centro Sportivo Vismara a Milano, Luca ha superato ai punti il franco-laotiano Dimitri Silalack per il vacante titolo mondiale dei pesi leggeri IKL (International Kickboxing League) dopo cinque spettacolari riprese da tre minuti ciascuna.

Luca, a quando risale il tuo ultimo incontro?

“Allo scorso 19 marzo, a Meda, contro Ezequiel Fernandez che ho steso al primo round con un gancio sinistro alla mascella nella riunione organizzata al PalaMeda da Luca Cecchetti. Quando mi hanno informato che avrei potuto combattere per il titolo mondiale dei pesi piuma Wako-Pro ho accettato subito proprio perchè ero già in forma avendo dovuto prepararmi per il match del 19 marzo.”

Quando hai saputo che avresti combattuto per il mondiale Wako-Pro contro Tito Macias?

“Un mese fa. Mancano tre settimane al combattimento e quindi ho quasi due mesi per prepararmi, un tempo adeguato. Il 18 giugno, alla Reggia di Venaria, sarò al top.”

Conosci lo stile di combattimento di Tito Macias?

“Si, l’ho visto combattere ed ho chiesto informazioni al mio compagno di team Luca Cecchetti che lo ha battuto due volte. Tito Macias attacca sempre, soprattutto con I pugni, ma questo va a mio vantaggio perchè ho praticato il pugilato per diversi anni disputando più di 70 incontri dilettantistici. Ho anche esordito da professionista, con una vittoria, e vorrei fare altri combattimenti di pugilato. Se Tito Macias pensa di potermi battere sul mio terreno, si sbaglia di grosso.”

Ti consideri un tecnico o un picchiatore?

“Un tecnico. Mi piace variare gli attacchi: usare pugni, calci e ginocchiate come consentito dal regolamento dello stile K-1. Non cerco la vittoria prima del limite, ma è ovvio che se il mio avversario commette l’errore di scoprirsi lo stendo.”

Sei stato campione del mondo IKL dei pesi leggeri, ora combatterai da peso piuma. Scendere di peso è stato difficile?

“No, tra un combattimento e l’altro peso solo tre o quattro chili in più rispetto al limite della mia categoria. Perdere un paio di chili non è stato un problema. Inoltre, mi sono allenato con il preparatore atletico Emanuele Lochner e questo mi ha aiutato molto a raggiungere la migliore condizione fisica.”

da sinistra Luca Grusovin e Angelo Valente