PowerVolley Milano trionfa al 5° set sulla Consa RCM Ravenna

Altri cinque set nelle gambe per l’Allianz Powervolley Milano. Milano trionfa al quinto set nella sfida con Ravenna, vincendo per 2-3 dopo 2 ore e mezza di gioco. Piano e compagni si portano a casa due punti e proverà anche nel prossimo turno con Padova a conquistare il bottino pieno.

Coach Piazza per la sfida con i romagnoli deve fare a meno dell’opposto francese Jean Patry, tenuto a riposo a causa di un affaticamento muscolare: il sestetto di partenza meneghino vede infatti il rientro di Yuri Romanò opposto a Porro, Ishikawa-Jaeschke in banda, Piano e Chinenyeze al centro e libero Pesaresi. Zanini risponde invece con Biernat-Klapwijk sulla diagonale principale, Erati-Comparoni al centro, Vukasinovic-Ljaftov in banda e Goi libero.

Inizia in maniera equilibrata il primo parziale per entrambe le formazioni, se la giocano punto a punto le due compagini. Milano però allunga con il muro di Chinenyeze su Comparoni portandosi a +5 (9-14). I ravennati non ci stanno e rimangono attaccati al set, guadagnando terreno sui meneghini (22-23). Il risultato del set si decide ai vantaggi, dopo due set point annullati da Ravenna, Milano con il muro di Piano chiude il primo parziale 24-26.

La Powervolley sfrutta la scia del primo set per cominciare bene anche il secondo: conquista il doppio vantaggio su Ravenna con due muri di Chinenyeze, tenendo il distacco fino a quota 10, con Ravenna brava a non staccarsi del tutto e a riportare la parità nel parziale con il muro di Vukasinovic su Romanò. Arriva di nuovo il sorpasso di Milano sui ravennati con il muro di Jaeschke 11-13. Vukasinovic accompagna Ravenna verso la parità a quota 17 con Milano, tentando anche il sorpasso con l’attacco di Ljaftov 18-17. Milano effettua il cambio di Djokic su Romanò. Nel finale di set, Porro si affida a Jaeschke per trascinare Milano verso la sua conquista. Un Pesaresi decisamente presente in difesa e la diagonale imprendibile di Ishikawa permettono a Milano di recuperare il doppio vantaggio perso (21-23). L’errore in pipe di Ravenna consegna a Milano il secondo parziale 21-25.

L’Allianz Powervolley Milano allunga subito nel terzo set portandosi sul 3-8. Ravenna non si lascia intimidire dal punteggio e risale fino a -3 dai meneghini (9-12), costringendo coach Piazza a chiamare time out per riportare i suoi ragazzi all’ordine. Cambio per Milano, entra Daldello in regia su Porro (10-12). Il lungolinea di Klapwijk  riporta subito sotto Ravenna (13-14). Ancora Klaspwijk riesce nel sorpasso su Milano 16-15. Break per Milano su attacco di Ishikawa 19-20. Ravenna conquista il doppio vantaggio su Milano con il muro di Vukasinovic su Ishikawa (23-21). Ha l’occasione per chiudere il parziale Ravenna, dopo un set point annullato da Milano, ma la palla corta di Vukasinovic è fatale per i meneghini che sfumano l’occasione di allungare ai vantaggi, termina così a 25-23.

Coach Piazza cambia le carte in tavola: schiera Chinenyeze come opposto e al centro Mosca-Piano. Inizio in salita per la compagine milanese che deve rincorrere Ravenna avanti 10-5 con l’ace di Ljaftov. Un altro cambio per la panchina di Milano: Djokic su Mosca. È Jaeschke a trascinare Milano fino a quota ravennate, con il suo muro porta i meneghini sul punteggio di 14-10. Klapwijk mantiene il distacco con Milano sfruttando la parallela libera 18-14. Doppio cambio per Piazza sul 23-17, Daldello-Maiocchi su Chinenyeze-Porro. Milano annulla due set point, ma Ravenna ha la meglio e rimanda il risultato finale al tie break con Ljaftov:  25-21.

Nel quinto parziale regna nuovamente la parità, come conferma il cambio campo avvenuto sul 7-8. Milano riesce ad andare sul +2 (7-9) sfruttando un attacco out di Ravenna, Milano allunga al cambio campo, dopo il primo match point annullato, in fase di cambio palla è Jaeschke per Milano a porre la parole fine alla partita per 12-15.

Roberto Piazza (Allianz Powervolley Milano): “Partita che si è complicata, eravamo avanti 2-0 giocando bene, nel secondo set avevamo già sprecato una marea di occasioni all’inizio e le occasioni poi non tornano indietro e siamo stati bravi a chiuderlo con una bella serie di battute di Jaeschke. Nel terzo siamo avanti 12-6, sbaglia la battuta Piano dopo il time out, poi sul 12-8 c’è stata una palla che dovevamo chiudere assolutamente, nonostante una ricezione traballante e abbiamo fatto un errore di gioventù, che ci sta. Poi però abbiamo continuato ad andare avanti e andando avanti abbiamo subito il loro rientro, loro hanno capito che non avevano più niente da perdere e che potevano giocare liberi e hanno vinto meritatamente il terzo set con tanti errori nostri. Il quarto ho provato una formazione che non avevo mai provato perché Romanò, al quale va un grazie grosso come una casa perché i medici mi hanno detto che era disponibile per un set e invece è stato in campo quasi tre, non ce la faceva più. Ho provato una formazione che non è andata bene e ho capito che non potevo fare a meno di Chinenyeze al centro. Nel tie break la squadra si è ricompattata. La cosa che io chiedo ai giocatori è di giocare, noi dobbiamo trovare la gioia di giocare in qualunque situazione, non importa come giochi, non importa il modulo, importa giocare e cercare di capire che tutti quanti hanno delle belle squadre, il campionato italiano è molto duro”.

CONSAR R.C.M. RAVENNA – ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO 2-3 (24-26, 21-25, 25-23, 25-21, 12-15)

CONSAR R.C.M. RAVENNA: Vukasinovic 26, Biernat 2, Erati 2, Queiroz 0, Goi (L), Klapwijk 26, Ljaftov 13, Comparoni 2, Orioli 0, Fusaro 5. Non entrati: Pirazzoli (L), Ulrich, Dimitrov, Candeli.  Allenatore Zanini.

ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO: Chinenyeze 17, Daldello 0, Romanò 7, Maiocchi 0, Piano 8, Mosca 0, Ishikawa 16, Djokic 2, Porro 2, Jaeschke 25, Pesaresi (L). Non entrato Staforini,. Allenatore Piazza.

Arbitri: Boris, Venturi. (Tundo)

Durata partita: 149’.

Spettatori: 638 (impianto: Pala De Andrè, Ravenna).

MVP: Paolo Porro (Allianz Powervolley Milano).

Martina Pollini