Agnelli Tipiesse da dieci. Come le vittorie di fila al PalaPozzoni in regular season, come il voto alla prestazione.

Cinica al semaforo verde, con frammenti di pallavolo d’altissimo profilo nella parte restante di un match che a Cuneo lascia soltanto qualche rimpianto in partenza. Stesso 3-0 dell’andata, stessa esibizione da standing ovation.

Bergamo si porta in vantaggio nel modo più anomalo, ossia rincorrendo per un intero parziale. Da 5-9 in poi Cuneo si fa avvicinare soltanto sporadicamente (13-14 21-22). Padura Diaz però fa la differenza da una parte (7, 54%), Wagner dall’altra con tre “pestate” con l’ultima proprio sul set point propiziato da un errore di Botto. I piemontesi, infatti, sbagliano meno (7-10), ma lo fanno nei momenti determinanti. Come è determinante l’impatto dei padroni di casa al rientro sul taraflex, aspetto che emerge sulla distanza. Da un primo break 4-0 (9-11 13-11) sul turno al servizio del sempre superbo Finoli, gli ospiti pasticciano nel cuore del periodo, Bergamo non perdona, sale tanto in ricezione (86% e D’Amico proverbiale  “macchina” che terminerà al 75 con 50% perf) quanto con capitan Cargioli (4,75%, eletto MVP) e chiude con un altro eloquente allungo 5-0. I rossoblù non calano di un’unghia e cominciano forte anche il terzo set, nonostante un primo rientro a 10 dei ragazzi di Serniotti. Cambio di passo con un ace di Terpin ed un attacco di Larizza (13-10) per un + 3 che fa da spartiacque. Un triplo servizio vincente di Padura Diaz (miglior realizzatore con 15 punti, 55%), intervallato da un muro di Cargioli suona come il colpo finale. Anche perché dai nove metri fanno male anche Pierotti e Mancin. Il sigillo ideale ad un match interpretato dall’Agnelli Tipiesse alla grande e, soprattutto, da grande.

Agnelli Tipiesse Bergamo – Banca Alpi Marittime Acqua S.Bernardo Cuneo 3-0 (25-23 25-15 25-19)

Bergamo: Cargioli 9, Finoli 3, Terpin 9, Larizza 9, Padura Diaz 15, Pierotti 11, D’Amico (L), Mancin 1, Ceccato, Baldi. N.E. De Luca, Cioffi. All. Graziosi.

Cuneo: Botto 2, Sighinolfi 5, Wagner 14, Preti 9, Codarin 4, Filippi 3, Lilli (L), Bisotto (L), Tallone. N.E. Vergnaghi, Rainero, Trinchero. All. Serniotti.

Arbitri: Venturi, Santoro

Federico Errante