Serie BKT: Ternana-Spal 1-0

LA TERNANA PIEGA 1 A 0 LA SPAL CON LA RETE DEL TERZINO MARTELLA.

I ROSSOVERDI TENGONO BOTTA AGLI AVVERSARI PROPONENDO IL LORO GIOCO SENZA PAURA E RIESCONO A “FARE SQUADRA” NEI MOMENTI DI DIFFICOLTA’ DIFENDENDO CON LE UGHIE E CON I DENTI IL VANTAGGIO ACQUISITO A META’ DEL PRIMO TEMPO.

La Ternana ha fatto “filotto” con le squadre emiliano – romagnole, tanto da arrivare alla terza vittoria dopo avere affrontato il Bologna in Coppa Italia, Parma e Spal in campionato.

Questa settimana ha “messo al tappeto” quest’ultime rilanciando le proprie quotazioni in una serie B partita a “fari spenti”, ma ora la situazione sta migliorando non solo nei risultati, che comunque hanno portato al secondo successo di fila questa volta per 1 a 0 contro i ferraresi della Spal. Goal partita dell’esterno difensivo Martella con una conclusione dai venticinque metri.

Ternana in campo con il 4-3-3, che ha “portato fortuna” con il Parma: Iannarilli in porta, Defendi e Martella esterni in difesa, Sorensen e Caputo centrali. A centrocampo la “sorpresa” Kontec al posto di Proietti o Palumbo che dir si voglia con ai lati Agazzi e Paghera in pieno turn over rispetto alla gara di tre giorni fa, in attacco Partipilo ha giocato a destra, Donnarumma centrale e Furlan a sinistra.

Modulo a “specchio” per la Spal con quattro difensori davanti al portiere Thiam: Dickmann, Vicari, Capradossi e Celia, Viviani, Esposito e Mancosu a centrocampo, Seck, Crociata e Colombo ad occupare il settore offensivo.

“Solito modulo delle ultime gare con Kontec, che avrebbe potuto abbassarsi in caso di bisogno – spiega l’allenatore della Ternana Cristiano Lucarelli – sulle scelte di formazione ha pesato la necessità di dare un po’ di brillantezza al cospetto di una settimana molto dispendiosa e ciò ha imposto anche di fare dei sacrifici”.

Una Ternana dai buoni propositi già in avvio di partita per la manovra espressa, che ha “portato i suoi frutti” con il tiro di Kontec al 5’ terminato sopra la traversa.

Dall’altra parte la Spal si è presentata alla conclusione con il mancino di Viviani.

Una Ternana grintosa, vista già dal recupero dei palloni prima di proporre l’azione offensiva con una discreta circolazione di palla a supporto del gioco espresso.

Non si può negare l’impegno di tutto il gruppo ad iniziare dall’approccio all’incontro.

Anche la Spal ha saputo giocare bene palla a terra con il “fraseggio” della manovra ed i giusti inserimenti, giocate negli spazi bucando la difesa rossoverde come al 22’ quando Colombo ha “bruciato sul tempo” Capuano battendo poi Iannarilli in diagonale, ma il Var ha annullato per un tocco di braccio del calciatore emiliano.

Ternana in vantaggio dopo la “replica” 4’ più tardi con il mancino dai venticinque metri di Martella non deviato dal difensore Vicari che era sulla traiettoria.

“Molto bene nella prima mezz’ora quando abbiamo aggredito gli avversari e proposto il nostro gioco – dice Lucarelli commentando l’incontro – avremmo potuto anche raddoppiare. Penso che stiamo iniziando ad essere una squadra ed i segnali sono incoraggianti anche se, in verità, mi piacerebbe soffrire di meno”.

La Spal, dal canto suo, non è stata a guardare e si è messa in evidenza con il rasoterra di Manconsu, la Ternana invece con un colpo di testa fuori misura di Sorensen.

Poi è stata ancora la Spal a terminare in crescendo il primo tempo e a concludere con Seck prima e Viviani poi verso la porta difesa dall’ottimo Iannarilli.

 E’ stato difficile per la Ternana gestire questa fase dell’incontro perché la Spal si è dimostrata una formazione abile nel recuperare lo svantaggio acquisito aumentando la pressione sulla difesa rossoverde, che stava per barcollare quando un tiro da lontano ha costretto Iannarilli ad una super parata all’incrocio dei pali.

La Spal è una squadra che attacca bene girando il pallone non facile da domare perché insidiosa sia nelle “ripartenze”, che a difesa schierata.

Al 6’ sull’asse Partipilo, Defendi, Pettinari la Ternana ha avuto una buona chances con la conclusione deviata, che ha costretto il portiere a “rifugiarsi” in angolo.

Poi sul corner successivo un colpo di testa di Capuano è andato fuori di poco.

All’11 Pettinari, servito da Partipilo, ha tirato sul primo palo, ma Thiam non si è fatto sorprendere ed ha detto no all’attaccante della Ternana.

Alcuni “brividi” per la difesa rossoverde con Seck, che ha sprecato il malomodo.

La Ternana, invece, è andata al tiro con Defendi, palla però sopra l’incrocio.

Finale difficile per i padroni di casa con la Spal in pressione alla ricerca del pareggio, tanta sofferenza contro gli avanti estensi, ma anche determinazione per portarsi a casa tre punti d’oro magari con l’affanno, i denti e le unghie non mollando di un centimetro.

Il Tabellino

Ternana-Spal 1-0

TERNANA (4-3-3): Iannarilli, Defendi, Sorensen (62’ Boben), Capuano, Martella, Agazzi (75’ Palumbo), Kontec, Paghera (46’ Koutsoupias), Donnarumma (46’ Pettinari). All. C. Lucarelli

SPAL (4-3-3): Thiam, Dickmann, Viceri, Capradossi, Celia (75’ Coccolo), Esposito, Viviani (80’ Da Riva), Mancosu, Seck (66’ D’Orazio), Colombo (76’ Latte Lath), Crociata (65’ Melchiorri). All. J.C. Ruiz

ARBITRO: Matteo Marcenaro di Genova

ASSISTENTI: Stefano Alassio (Imperia); Gaetano Massara (Reggio Calabria)

IV UFFICIALE: Carlo Rinaldi (Bassano Del Grappa)

Var: Federico Dionisi (L’Aquila)

Avar: Stefano Liberti (Pisa) 

RETI: 26’ p.t. Martella (Ternana)

AMMONITI: Paghera, Sorensen, Koutsoupias, Iannarilli (Ternana), Celia (Spal)

ANGOLI: 5 a 5

RECUPERO: 2’ p.t.; 5’ s.t.

SPETTATORI: 4.369 (di cui 98 ospiti). Incasso 59.089 euro

STEFANO GIOVAGNOLI