L’equipaggio di canottaggio 8+open del Politecnico di Torino vince la sfida con EPFL di Losanna

Studentesse e studenti atleti dell’Ateneo hanno superato colleghi e colleghe delI’École Polytechnique Fédérale de Lausanne in una regata sul lago di Lugano, organizzata nel contesto dei Campionati Ticinesi di Canottaggio

Tanto entusiasmo ed emozione domenica 23 ottobre sul Lago di Lugano, dove l’equipaggio 8+open del Politecnico di Torino è tornato a competere in una gara di canottaggio dopo la pandemia, conquistando il successo nella regata contro il team delI’École Polytechnique Fédérale de Lausanne, disputata in Svizzera nel tratto di lago tra Ghiera e Agno.

La rappresentativa del Politecnico, selezionata da Mauro Tontodonati, allenatore del CUS Torino, si è confrontata con l’EPFL (il Politecnico di Losanna) sulla distanza di 2.000 metri, nell’ambito dei Campionati ticinesi di canottaggio 2022.

Una vittoria netta, quella del Politecnico che ha percorso il campo di regata in 6’33”, precedendo di 39” l’equipaggio dell’EPFL.

La gara era riservata alla categoria “otto+open”, ovvero aperta a equipaggi composti da otto vogatori, di cui almeno il 25% in rappresentanza di un genere (il “+” sta per “con” e definisce la presenza del timoniere). Dunque atlete e atleti, studenti al Politecnico, hanno gareggiato insieme. Un’esperienza che si presta a una chiave di lettura moderna, che tocca un tema di grande rilevanza e attualità come le pari opportunità, a livello accademico come sportivo.

L’equipaggio del Politecnico può vantare atleti e atlete di assoluto livello internazionale. Alcuni di loro hanno già ottenuto titoli mondiali giovanili e senior, ma anche continentali e nazionali.

“Siamo orgogliosi di rappresentare il Politecnico – tiene a dire per l’intero equipaggio Alberto Zamariola, nel palmares un titolo di Campione del Mondo Under 23, uno Europeo, e ben otto titoli italiani nel carniere, studente-atleta del programma Dual Career PoliTO – La parte sportiva è rilevante, vero, ma è fondamentale l’aspetto ludico che accompagna questi impegni. Coniugare sport agonistico ad alto livello e impegno universitario? Si può fare, noi ne siamo un esempio! È impegnativo perché il tempo libero non abbonda. Ma basta sapersi organizzare, sfruttando al massimo quel poco che hai a disposizione. È difficile, ma è possibile. E aiuta anche”.

L’equipaggio del Politecnico di Torino (8 componenti+1 riserva+1 timoniere) era composto da: Cecilia Bertolani (Ingegneria Energetica e Nucleare – società Canottieri Caprera Torino), Tommaso Cerruti (Computer Engineering – Cus Torino), Silvia Crosio (Ingegneria Meccanica – società Amici del Fiume Torino – studente Dual Career PoliTO), Massimo Giacobbe (Ingegneria Fisica – Cus Torino), Filippo Graziano (Ingegneria Energetica e Nucleare – Cus Torino), Riccardo Italiano (Ingegneria Civile – società Esperia Torino), Tancredi Palumbo (Ingegneria Aerospaziale – Cus Torino), Francesco Fabio Sessa (Ingegneria Gestionale – società Amici del Fiume Torino), Alberto Zamariola (Ingegneria Gestionale – Reale Società Canottieri Torino – studente Dual Career PoliTO), timoniere Alessandra Faella (Ingegneria Civile – Cus Torino).