Arco Mondiali paralimpici Dubai. Maria Andrea Virgilio cince l’argento

Tre finali per l’oro per le squadre azzurre. Dopo il bronzo ai Giochi Paralimpici di Tokyo, Maria Andrea Virgilio vince l’argento individuale ai Mondiali Paralimpici di Dubai. (foto: Maria Andrea Virgilio in azione)

L’atleta trapanese in forza alle Fiamme Azzurre conquista l’ennesimo alloro internazionale nel compound open dopo essere stata superata in finale dalla russa Andrievskaia 143-140, in una giornata in cui l’Italia raggiunge anche tre finali per l’oro con le squadre e i mixed team. Domani Asia Pellizzari e Salvatore Demetrico si giocheranno il titolo iridato nel W1 contro la Russia (Krutova-Leonov); domenica nell’olimpico femminile altra sfida contro la Russia (Barantseva-Sidorenko) per Enza Petrilli e Veronica Floreno e poi, nel mixed team ricurvo, Enza Petrilli e Stefano Travisani si giocheranno l’oro contro la Thailandia (Pattaweo, Netsiri). 

Maria Andrea Virgilio sale sul podio ai Campionati Mondiali Para-Archery di Dubai. Nella gara individuale compound femminile la siciliana vince l’argento iridato dopo aver conquistato solo pochi mesi fa il bronzo alle Paralimpiadi di Tokyo. Nella finalissima di oggi l’azzurra perde contro la russa Tatiana Andrievskaya 143-140, in una gara in cui l’avversaria non esce mai dal giallo imponendo un ritmo forsennato allo scontro. Per Virgilio un’altra grande soddisfazione dopo le Paralimpiadi vissuta da assoluta protagonista e i tanti risultati importanti a livello nazionale tra cui il primo storico successo di un’arciera paralimpica ai Campionati Italiani Targa. 

MARIA ANDREA VIRGILIO D’ARGENTO – Parte meglio l’azzurra, che si porta subito sul 29-27, ma poi inizia con un 7 il secondo set perdendo il vantaggio. La russa ne approfitta mettendo il turbo e piazzando tre dieci in fila a cui la siciliana riesce a rispondere rimanendo sul giallo con un 9 e un 10. Dopo il secondo set quindi la gara è ribaltata, 57-55 a favore di Andrievskaia. La finalissima è un’altalena di emozioni, nella terza volée ritrova costanza Virgilio, che piazza due 9 e un 10 rosicchiando un punto (85-84) all’avversaria. Si arriva così alla penultima tornata di frecce in cui l’azzurra esce una volta dal giallo con un 8 ma poi chiude con due 10 in fila, la russa risponde con due 10 e un 9 che le permettono di arrivare a tre frecce dalla fine con due punti di vantaggio (114-112). Nell’ultima volée Maria Andrea Virgilio non riesce nella rimonta anche perché Andrievskaya continua a non uscire mai dal giallo e chiude i conti 143-140. 


I RISULTATI A SQUADRE – 
Conquistano un posto in finale per l’oro le due azzurre impegnate nella competizione a squadre femminile dell’arco olimpico. Vincenza Petrilli e Veronica Floreno domenica affronteranno la Russia (Barantseva-Sidorenko) nel match che vale il titolo iridato. Per le due azzurre oggi successo netto per 6-0 contro la Thailandia (Chatyotsakorn, Pattaweo) e 5-3 sull’India (Pooja, Pooja).
Si ferma ai quarti di finale la corsa nell’olimpico maschile di Stefano Travisani Giuseppe Verzini sconfitti 5-1 da Smirnov e Ziapev (RAF) dopo il successo 5-1 sulla coppia brasiliana (Alves Rocha, Santos Silva).
E’ invece la Corea del Sud (Koo, Park) a eliminare l’Italia maschile del W1: Salvatore Demetrico e Gabriele Ferrandi sono stati superati dagli asiatici 134-124 ai quarti di finale. 

I RISULTATI DEI MIXED TEAM 
Vincenza Petrilli e Stefano Travisani sono in finale per l’oro nel mixed team dell’arco olimpico. I due azzurri hanno battuto oggi la Turchia (Eroglu, Savas) 5-3 e si sono ripetuti in semifinale vincendo allo shoot off contro la Polonia (Olszewska, Ciszek) 5-4 (18-16). Domenica la sfida che varrà il titolo iridato sarà contro la Thailandia (Pattaweo, Netsiri).
Conquista l’accesso alla sfida per l’oro anche il doppio misto del W1 formato da Asia Pellizzari e Salvatore Demetrico. I due azzurri vincono i match contro Corea del Sud (Kim, Park) 138-134 e Repubblica Ceca (Drahoninski, Brandtlova) 141-135 e si avviano verso la sfida di domani, sabato, contro la coppia Krutova-Leonov (RAF).

Una giornata ricca di emozioni che il CT Willy Fuchsova commenta così: “Siamo soddisfatti di questo argento anche se poteva andare meglio. Maria Andrea è stata brava e non dimentichiamo che abbiamo ottenuto già altre tre finali con le squadre e abbiamo ancora delle possibilità nell’individuale. Per ora bene così, cercheremo di chiudere al meglio questa rassegna iridata“.