Domenica 25 torna a Capannelle il campione Tempesti

Weekend da non perdere. (Foto:Domenico Savi)

SABATO 24 SETTEMBRE – TROTTO

Il settembre del trotto romano volge a conclusione con un convegno nel quale non mancano spunti interessanti. La prima e l’ultima delle otto corse in programma sembrano quelle maggiormente da seguire sul piano tecnico. In apertura, il Premio Fellow D’Assia dedicato ai due anni, con la terza uscita in carriera di Eleonor di Poggio che ha dimostrato nelle due uscite precedenti di andare forte e sembra ancora in grado di avere la meglio.

L’ottava invece, il Premio Majer Art, vedrà in pista gli anziani di categoria BC e qui a far la differenza potrebbe essere la classe di Toscarella che oltretutto partirà da una posizione favorevole.

In mezzo alcune corse interessanti nelle quali non manca qualche discreto spunto per gli scommettitori. Cesare Fas, ad esempio, alla terza corsa ritrova avversari che ha già battuto e potrebbe essere un punto di riferimento, così come la regolarissima Daylight Men alla quinta, oppure Ed Sheeran Erre nell’altra prova riservata ai soggetti più giovani posizionata alla settima corsa. Ossigeno Bigi,  Quick Star e Douglas Fior i possibili piazzati per le restanti prove.

DOMENICA 25 SETTEMBRE – GALOPPO

Pomeriggio di elevatissima valenza tecnica all’Ippodromo Capannelle. Le emozioni da vivere saranno tante ma per attirare l’attenzione degli appassionati basta un nome: Tempesti. Il campione della scuderia Dormello Olgiata scenderà in campo alle ore 16,00 nella quarta corsa, la listed che il nostro turf dedica a Felice Scheibler, meraviglioso primo rivale, almeno fino alla fine degli anni ’10 del ‘900, di Federico Tesio. Tempesti riappare sulla pista di Capannelle dopo il secondo posto conquistato nel Derby di maggio, al termine di una battaglia esaltante con Ardakan. Quel pomeriggio, dinanzi alla folla delle grandi occasioni, Tempesti (con la sua giubba che è storia del Turf mondiale) e il suo rivale esaltarono la passione dei presenti per il coraggio mostrato in gara. Eccolo di nuovo sui 2400 metri della nuova versione del Premio Scheibler. Lo sfideranno quattro avversari: di nuovo Frozen Day, protagonista con Tempesti del rush conclusivo nel Botticelli e poi terzo classificato nel Derby, c’è il ben rodato Rock Life, Tramaglino, eccellente nel Filiberto, e Lagomago, vincitore del tradizionale Gran Premio di Varese. Spettacolo assicurato.

Per quanto riguarda il resto del programma, la prima corsa inizierà alle ore 14:10, il Premio Batavia, una prova riservata ai velocisti di tre anni in pista dritta sui 1200, ma il pomeriggio romano offre un programma ricco di due listed, oltre al Premio Schleiber anche il Premio Pandolfi, un prestigioso handicap principale come l’Autunno e una corsa di assoluto spessore per i due anni, il Premio Fiuggi in vista del Gran Criterium. Grande domenica dunque con tanto di TQQ finale, appunto il Premio Handicap d’Autunno.

Dicevamo della seconda corsa, il Premio Fiuggi, a cui va riservata la massima attenzione. Correranno i due anni sui 1600 metri e saranno in cinque: Absolute Beginners, Caeman, Silverbumbum, Sweet Lord e Torpedo Blu.

Subito dopo toccherà alle femmine di due anni che si contenderanno il Premio Ubaldo Pandolfi, uno dei grandi Maestri allenatori del nostro turf. Saranno in 12 sui 1200 di questa pregevole listed, e tra loro la regina della generazione New Collection, che si rimette in cammino – e senza sconfitte – dal giorno del Perrone nel Derby Day. Ad affrontarla l’altra regina, Royal Lea, l’imbattuta Terdal, le rodate Alix de Gold e Little Wise Girl, come anche Just do It e Ionica, senza dimenticare French Fries che sembrava la migliore e che è comunque vanta un terzo posto al Perrone e un quarto al Crespi. Il Pandolfi è in programma come terza corsa alle 15,25. Gran finale di pomeriggio con la disputa della TQQ Premio Handicap d’Autunno (albo d’oro che segnala calibri come Clarenzio Fan, Menhuin, Valvibrata oppure Baruch), in edizione super spettacolare, 2000 metri intergenerazionali con 15 protagonisti nelle gabbie tra cui Warrior Within, Davagna, ma anche tanti pretendenti al successo quali Fambrus, Blanc Menteur, Xeres, Prince Appeal, Wonka Willy, Unique Diamond. Una corsa imperdibile, degna conclusione di un convegno di alto spessore.