Un Rally Terra Sarda all’insegna dell’eccellenza:svelati i contenuti dell’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona

Oltre settantatré chilometri di eccellenza per l’appuntamento promosso da Porto Cervo Racing in programma dal 7 al 9 ottobre. Undici passaggi cronometrati articolati sui chilometri di sei distinte prove speciali, con Porto Cervo ed il Villaggio Rally Mirtò “cuore” di un evento pronto a coinvolgere l’intera Gallura. Nella foto Morittu Diomedi-Turati

Sei prove speciali di grandi contenuti, sviluppate in undici passaggi per oltre settantatré chilometri cronometrati: Porto Cervo Racing ha svelato le linee del 10° Rally Terra Sarda, garantendo al palcoscenico della Coppa Rally di Zona un appuntamento che ha fatto dell’eccellenza la propria prerogativa, con Porto Cervo ed il suo Villaggio Rally Mirtó ad abbracciare – dal 7 al 9 ottobre – gli esponenti della nona zona e quelli del TER, Tour European Rally Series, chiamati alla manche conclusiva del campionato continentale.

Una cornice dal blasone internazionale che ambienterà anche il confronto dedicato alle auto storiche, il 2° Rally Terra Sarda Storico, con gli esemplari che hanno scritto pagine indimenticabili della storia del motorsport attesi su chilometri che preannunciano grande agonismo.

IL PROGRAMMA DI GARA

Riflettori accesi su Porto Cervo da giovedì 6 ottobre, con la consegna dei “road book” e la prima fase dedicata alle ricognizioni del percorso con vetture di serie. L’indomani, venerdì 7, saranno le operazioni di verifica preliminare ad interessare i concorrenti prima della cerimonia di presentazione, prevista dalle ore 18 al Villaggio Rally Mirtó, contesto che interesserà le nazioni coinvolte dal confronto europeo e che darà loro modo di promuovere le proprie eccellenze. Un connubio tra sport e tradizione in grado di garantire al Rally Terra Sarda ed all’intero territorio un’ampia risonanza mediatica, in linea con le aspettative nutrite dall’entourage di Mauro Atzei, presidente di Porto Cervo Racing.

Le ore 8 di sabato saranno invece testimoni dell’accensione dei motori per lo “shakedown” – il test con vetture da gara – previsto sui chilometri della “Gallura-Fonti di Rinaggiu – Tecnograf”, prova che vedrà i protagonisti della Coppa Rally di Zona e del TER, Tour European Trophy, approcciarsi agli impegnativi fondi proposti dalla Gallura. La partenza, con la cerimonia ambientata a Tempio Pausania dalle ore 14.30, catalizzerà l’interesse degli appassionati sulle linee delle vetture attese sulla pedana di Corso Matteotti.

Da lì, gli interpreti del confronto si dirigeranno verso il primo giro di prove speciali, inaugurato dai quattro chilometri e cinquecento metri della “I graniti di Gallura, Fabrizio De Andrè”, primo banco di prova. Successivamente, saranno gli oltre dodici chilometri della “Mare Verde, Grimaldi” ad anticipare le fasi di riordino e di parco assistenza, ambientato a Tempio Pausania. Alle ore 18, semaforo verde per la seconda ripetizione delle prove speciali “I graniti di Gallura, Fabrizio De Andrè” e “Mare Verde, Grimaldi”. Due tratti che i protagonisti del Rally Terra Sarda affronteranno prima di giungere ad Arzachena per il secondo riordino in programma e disputare – alle ore 20 – la quinta prova speciale, “Il centenario – Aire” di 1,69 Km, prova che manderà in archivio la prima tappa di gara, con l’arrivo delle vetture al Molo Vecchio di Porto Cervo, teatro del riordino notturno. Domenica, intervallati da un riordino ed un parco assistenza, entrambi ambientati a Porto Cervo, due giri sulle prove speciali “L’Isuledda – Gimar – Star Solar”, “Prova dei Giganti – Cala Costruzioni” e “Costa Smeralda – Ayla Project” saranno assoluti protagonisti della fase decisiva di gara, con cerimonia di arrivo e premiazioni in programma dalle ore 15.30 al Molo Vecchio di Porto Cervo.

AGEVOLAZIONI PER GLI EQUIPAGGI: IL 6 SETTEMBRE SCADE IL TERMINE DI PRE-ADESIONE

Agli equipaggi che anticiperanno la propria adesione alla gara entro il termine prefissato del 6 settembre, saranno riservate condizioni agevolate attraverso un “pacchetto” comprensivo di iscrizione alla gara, trasporto e soggiorno nell’intero weekend, previsto per due persone. Un sostegno concreto e rivolto al panorama rallistico nazionale, con i piloti provenienti da tutta Italia che vedranno così alimentate le aspettative legate alla partecipazione alla Finale Nazionale Coppa Italia Rally poiché il 10° Rally Terra Sarda sarà l’unico appuntamento su asfalto previsto in Sardegna, opportunità di conquista del “pass” per la finale in programma al Rally del Lazio di inizio novembre.

Gabriele Michi