Tokio 2020. Tiro con l’Arco.Ottimo esordio per Chiara Rebagliati

Domani mattina con Mauro Nespoli il misto azzurro agli ottavi con l’Olanda

Al termine delle 72 frecce di ranking round Chiara Rebagliati chiude al 10° posto. Boari 23esima e Andreoli 52esima. Nespoli è 23° e domani con Rebagliati nel misto affronta agli 1/8 l’Olanda alle 11:05 di Tokyo. Le azzurre domenica sfidano la Gran Bretagna

Mauro Nespoli

Allo Yumenoshima Park Archery Field è stata una prima giornata di gare piuttosto complicata per gli atleti, costretti a tirare con un sole caldissimo e un’umidità che mettevano a dura prova le performance. Nonostante tutto, ci sono stati anche punteggi di riguardo e, al termine delle 72 frecce di ranking round sono stati definiti tutti i tabelloni degli scontri diretti, individuali, a squadre e a squadre miste, che sarà l’appuntamento di domani. 

L’Italia nel complesso non ha ottenuto delle prestazioni ai livelli del suo standard, ma si vedrà alle eliminatorie quali saranno i reali valori in campo.  Sicuramente è stato confermato un livello della competizione elevato, soprattutto nel femminile, considerando il primato olimpico realizzato dalla sudcoreana An San, che ha realizzato 680 punti superando i 673 dell’ucraina Lina Gerasymenko. Dietro An le compagne di squadra Jang Minhee (677) e la primatista mondiale Chae Chang Young (675). 


Il caldo umido ha giocato un ruolo rilevante fin dal mattino richiedendo anche l’ingresso in campo dei sanitari al termine della qualifica femminile per un mancamento ad un’atleta russa. 


L’Italia può festeggiare l’ottimo esordio olimpico dell’azzurra Chiara Rebagliati: la 24enne savonese ha messo a referto 658 punti chiudendo al 10° posto. E’ lei la migliore delle italiane, seguita da Lucilla Boari, 23esima con 651 e da Tatiana Andreoli che, dopo una performance purtroppo al di sotto delle sue capacità, ha chiuso al 52° posto con 627 punti. 

ELIMINATORIE INDIVIDUALI –
 I punteggi delle azzurre hanno portato a un tabellone degli scontri diretti individuali piuttosto sfortunato. Se Tatiana Andreoli sfiderà venerdì 29 luglio ai 32esimi (ore 16:26) la francese Linda Barbelin (13^ con 654), nello stesso pomeriggio potrebbe verificarsi un match tra le italiane Lucilla Boari e Chiara Rebagliati ai 16esimi. La prima sfiderà alle ore 19:02 la polacca Sylwia Zyzanska e la seconda alle 19:15 la svedese Christine Bjerendal: se le atlete delle Fiamme Oro passeranno il turno sarà derby tra compagne di squadra alle ore 19:41.


ELIMINATORIE INDIVIDUALI –
 I punteggi delle azzurre hanno portato a un tabellone degli scontri diretti individuali piuttosto sfortunato. Se Tatiana Andreoli sfiderà venerdì 29 luglio ai 32esimi (ore 16:26) la francese Linda Barbelin (13^ con 654), nello stesso pomeriggio potrebbe verificarsi un match tra le italiane Lucilla Boari e Chiara Rebagliati ai 16esimi. La prima sfiderà ai 32esimi, alle ore 19:02, la polacca Sylwia Zyzanska e la seconda alle 19:15 la svedese Christine Bjerendal: se le atlete delle Fiamme Oro passeranno il turno sarà derby tra compagne di squadra alle ore 19:41.



IL TABELLONE A SQUADRE – Il risultato complessivo delle azzurre vale l’8° posto a squadre con 1936 punti, una posizione che domenica 25 luglio alle ore 9:00 di Tokyo (ore 02,00 del mattino in Italia) vedrà le azzurre sfidare agli ottavi la Gran Bretagna (Betles, Pitman, Folkard) che invece ha chiuso al 9° posto con 1916. In caso di passaggio del turno il tabellone degli scontri diretti prevede poi ai quarti di finale il match contro la Corea del Sud, padrona incontrastata dei Giochi Olimpici – da Seul ’88 ad oggi ha sempre vinto l’oro olimpico a squadre femminile – che, in virtù del primo posto nel ranking, ha ottenuto accesso diretto al secondo turno, così come tutte le prime quattro. 
Nello stesso lato del tabellone dell’Italia si disputerà il match degli ottavi tra Cina e Bielorussia, con la vincente che sfiderà ai quarti le padrone di casa del Giappone che hanno chiuso al 4° posto.  
Gli altri match vedranno in campo l’Ucraina con il terzetto del ROC (composto dalle atlete russe) e la vincente sfiderà gli USA (terza in qualifica), mentre la squadra vincitrice tra Germania e Taipei se la vedrà ai quarti con il Messico (secondo in qualifica). 

MAURO NESPOLI E MIXED TEAM – Anche nella gara di qualifica maschile – giocata tra le ore 13 e le 15 di Tokyo – il sole scendeva a picco sullo Yumenoshima Park Archery Field e la temperatura percepita era altissima a causa dell’umidità. Nonostante questo si sono confermati i pronostici della vigilia che hanno visto brillare i coreani e lo statunitense Brady Ellison. Il sudcoreano Kim Je Deok chiude al primo posto con 688, seguito da Ellison (682) e dall’altro campione asiatico Oh Jin Hyek (681). 
Dopo una partenza assai difficile Mauro Nespoli ha recuperato posizioni ma ha concluso il ranking round 24° con 658 punti, un punteggio sicuramente al di sotto dei suoi standard.
I punti di Nespoli sommati a quelli della Rebagliati posizionano l’Italia all’11° posto nel mixed team (1316) che porterà i due azzurri a sfidare domani agli ottavi, alle ore 11:05 di Tokyo, l’Olanda (Schloesser, Wijler) che ha chiuso sesta con 1327.
Nell’individuale Mauro Nespoli sfiderà invece martedì 27, alle ore 9:43, lo sloveno Ziga Ravnikar.

LE DICHIARAZIONI
La migliore delle azzurre commenta così la sua prestazione: “Ero sicuramente molto emozionata, sono partita con una prima parte non nelle mie corde, ma nella seconda parte ho cercato di dare il massimo lottando freccia dopo freccia con questo caldo umido che in Italia non siamo assolutamente abituati ad avere – ha detto Rebagliati subito dopo le 72 frecce di ranking round -. Continuavo a bere acqua cercando di rimanere concentrata mentre andavamo avanti e indietro ritirare le frecce con l’ombrello per ripararci dal sole: le condizioni sicuramente non erano delle migliori ma nonostante questo sono molto contenta. Per me è tutto nuovo, ho vissuto tante emozioni, brividi, tensione, tutte sensazioni che immaganizzerò e metterò dentro un piccolo cassetto, sperando che mi siano d’aiuto per i prossimi giorni quando dovremo affrontare la gara a squadre, per l’individuale e spero anche per il mixed team“.  
Commenta così la prestazione delle sue atlete il coach 

Natalia Valeeva: “Chiara ha fatto molto bene la seconda parte di gara, è stata volitiva ed è stata premiata col 10° posto. Lucilla ha cercato di mantenersi nelle sue medie, ha commesso qualche errore a causa del vento e di qualche indecisione, mentre Tatiana ha avuto una rosata più larga rispetto al solito e non è riuscita a rientrare nel suo standard abituale. Adesso è importante rimetterci in gioco e guardare avanti“. 

Il CT Sante Spigarelli spiega che le azzurre avrebbero potuto ottenere qualcosa di più: “La prestazione delle ragazze è stata in parte deludente per quanto riguarda il rendimento. Siamo arrivate qui con punteggi non eclatanti ma sufficienti per posizionarci dopo la qualifica tra il 5° e il 6° posto: l’8° posto ci va un po’ stretto, anche perché la conseguenza è che il tabellone dei match prevede, se superiamo agli ottavi la Gran Bretagna, lo scontro ai quarti con la Corea del Sud che sappiamo non sarebbe assolutamente facile superare. Sarebbe un evento storico, ma quello che non è mai successo potrebbe accadere qui a Tokyo…“.

Mauro Nespoli non nasconde la sua rabbia per il risultato ottenuto e, allo stesso tempo, la sua voglia di rivalsa in vista degli scontri diretti: “Per fortuna è finita questa qualifica… Ho iniziato malissimo, ho cercato recuperare più che potevo, cosa difficile a questi livelli e, alla fine, nonostante sono risalito di tante posizioni ho comunque chiuso col peggior ranking round della stagione. Non tutto è perduto, devo voltare pagina e guardare alle prossime sfide. Spesso mi è capitato di tirare molto bene in qualifica ma di perdere subito negli scontri diretti: spero di invertire la tendenza, sia domani nel mixed team che nei match individuali“.