Ieri a Roma l’ultimo saluto a Sinisa Mihaijlovic

Si sono svolti ieri  nella basilica Santa Maria degli Angeli fredda e assolata sono terminati i funerali di Sinisa Mihajlovic, l’ex calciatore e allenatore morto pochi giorni fa a causa della leucemia.

Una grande folla all’esteno della basilica , e cori per Sinisa  e tanti nomi nn solo del calcio presenti: Francesco Totti, Bruno Conti e Gianni Morandi, tutti stretti intorno alla famiglia di Sinisa composta dalla moglie Arianna e i loro figli. Questi ultimi hanno dato una carezza alla bara poco prima che venisse portata via. 

“Ci stringiamo tra noi anche un po’ fisicamente come stiamo facendo, vorrei che tutti sentiste l’affetto di questa Chiesa”. Così il cardinale Matteo Maria Zuppi, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, nel corso del funerale. “Dio vuole che la morte, che è sempre ingiusta, faticosa e dolorosa, sia la nascita. È lui a sperimentarlo per primo. Il legame che sembra spezzato dalla morte in realtà diventa invisibile e spirituale, è solo amore”, ha detto Zuppi, che ha aggiunto: ”Sinisa non e’ scappato. Ha affrontato la difficoltà con coraggio. Parlandone e piangendone. Il guerriero ha vinto con la dolcezza della fragilita’, la vera forza. Diceva: ‘Non sono superman, ma devo combattere e non mollare mai'”.

Al rito funebre presente tutta la squadra del Bologna e della lazio  , insieme al direttore sportivo Igli Tare e al tecnico Maurizio Sarri. 

Presenti poi l’attaccante Ciro Immobile e il difensore Stefan Radu, tutti visibilmente commossi: il tecnico serbo, legatissimo ai colori biancocelesti e amico del presidente Claudio Lotito, aveva militato nella Lazio negli anni d’oro dello scudetto.

Presenti al funerale Gabriele Gravina, presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio e il Ct della Nazionale Italiana Roberto Mancini. I due sono stati preceduti di poco da Vincenzo Montella, ex calciatore e allenatore della Dama Demirspor.

Sono entrati in chiesa anche il tecnico della Spal ed ex calciatore della Roma, Daniele De Rossi e il cantante Gianni Morandi, grande tifoso del Bologna. Nella basilica, tra gli altri, l’ex portiere della Lazio Luca Marchegiani e l’allenatore Serse Cosmi.

In piazza della Repubblica, dove si erano radunate già in anticipo centinaia di persone, sono state recapitate le corone di fiori da parte degli “Ultras Lazio”, della “Famiglia Inzaghi” di “Fifa” e “Uefa” e delle squadre di club dove Sinisa ha militato: Sampdoria, Bologna, Milan, Lazio e Roma.