Ambiente, AICS: Trevignano Romano la Rifiuthlon con caccia al rifiuto

Sabato 20 luglio, i volontari di Aics ripuliscono il litorale del comune di Trevignano Romano. Sarà ancora “caccia al rifiuto”: chi trova quelli nascosti vince dei KIT eco-domestici, 1 film collage autoprodotto utilizzando servizi autorevoli legati a temi ambientali strettamente correlati con abitudini della quotidianità

Trevignano Romano (RM) – I volontari ripuliscono le spiagge di Trevignano Romano, sabato 20 luglio, con un’inedita gara di raccolta rifiuti “Rifiuthlon” – gara di raccolta rifiuti a premi e marchio registrato da AICS: chi, tra i tanti abbandonati, trova i rifiuti “nascosti” vince un premio ‘a tema’. Questo l’evento organizzato da Aics Ambiente, in collaborazione e con il patrocinio del comune di Trevignano Romano, con Renault RRG che fornisce le auto elettriche per trasferire i rifiuti raccolti all’isola ecologica, per invitare grandi e piccini a riflettere sullo smaltimento scorretto dei rifiuti e sul rispetto dell’ambiente.

L’edizione speciale della “Rifiuthlon on the Lake” dà appuntamento sabato mattina alle 9 a ogni tipo di affezionato del mare: chi a piedi sulla battigia, chi sul sup, chi sulla tavola da windsurf o sul pattino. Saranno tutti invitati a scandagliare la propria porzione di spiaggia e di acqua alla ricerca dei rifiuti lasciati sul posto dai frequentatori irresponsabili, o abbandonati in acqua e sospinti dalla corrente fino a riva.

Per animare però la giornata, Aics Ambiente propone per questa edizione del Rifiuthlon, anche la “Caccia al rifiuto”. Nell’area interessata vi saranno tre oggetti-rifiuto, di cui non si conosce la tipologia: chi li troverà, avrà diritto a premi speciali: alcuni kit di detersivi “eco” per la casa e non solo.

“L’intento – spiega Andrea Nesi, coordinatore nazionale di Aics Ambiente – non è solo quello di mostrare visivamente quanti sono i rifiuti, anche piccoli, abbandonati nelle aree verdi e in acqua, ma è quello di rendere i volontari protagonisti dei nostri eventi di sensibilizzazione al rispetto ambientale, perché a una prima buona azione, ne corrispondano altre nel tempo. Il gioco, da sempre, è un eccellente veicolo per trasmettere valori senza essere percepiti come noiosi”.

“Ci piace sottolineare sempre che noi non organizziamo una raccolta rifiuti o la pulizia di un sito: noi facciamo la Rifiu-Thlon. Lo stimolo della gara, sempre giocosa beninteso, consente di coinvolgere quelle fasce di persone, sopratutto più giovani, che altrimenti restano escluse perché disinteressate. Una volta coinvolte però, non è difficile trasferire loro argomenti e valori. La Rifiuthlon è un vero e proprio sistema educativo e di reclutamento nuove risorse alla battaglia in difesa dell’Ambiente. Chiuderemo il 2019 con 80 Rifiuthlon organizzate sul territorio nazionale e puntiamo a 100 per il 2020”, conclude Nesi.