Supercoppa: Como-Ternana 0-3

Ternana “Regina” di Supercoppa. Annienta 3 a 0 il Como al “Senigaglia”. Ora parte in pole position nel derby decisivo di sabato prossimo avendo due risultati su tre contro il Perugia . Si gioca alla 15 al “Liberati con la differenza reti a favore

Ternana brillante al “Senigaglia” di Como nella sua prima partita della supercoppa di serie C come del resto in modo eccellente aveva disputato e vinto il proprio girone del campionato di Lega Pro.

La formazione di Lucarelli ha trionfato in riva al lago per 3 a 0 ed ora è sufficiente per i goal realizzati pareggiare, oltre a vincere naturalmente, il derby di sabato prossimo contro il Perugia per alzare al cielo del “Liberati” il trofeo.

Una partita, quella tra la Ternana ed il Como sostanzialmente equilibrata in avvio a centrocampo.

Le opportunità sono arrivate soprattutto di testa con l’inzuccata di Gabrielloni del Como sempre molto insidioso sulle palle alte ed anche Vantaggiato della squadra ospite ha provato a colpire appoggiandosi però sul difensore avversario prima che il pallone sorvolasse la traversa lariana.

In precedenza un tiro a giro dalla distanza del rossoverde Falletti era terminato di poco alto.

Il gioco si è sviluppato palla a terra con una certa difficoltà nel trovare spazi utili.

Una conclusione di Partipilo per la Ternana è risultata forte, ma centrale.

La Ternana è caduta spesso e volentieri nella “trappola” del fuorigioco del Como, merito di una difesa attenta che ha chiuso tutti gli spazi sugli esterni, ma al 20’ ha lasciato un varco centrale dove ha potuto “fare breccia” la “rasoiata” vincente di Salzano per l’ 1 a 0 di marca rossoverde.

“Abbiamo avuto subito sensazioni positive – dice l’autore del goal – questa squadra ha grandi qualità morali. La difficoltà maggiore incontrata è stata l’attenzione, ma la squadra lo ha dimostrato anche oggi di avere grandi valori contro un Como forte nelle ripartenze e nell’uno contro uno”.

Dopo la rete realizzata, la Ternana si è fatta di nuovo pericolosa quando ha mandato in porta l’esterno Furlan contrato prima dal difensore e poi dall’uscita del portiere del Como.

E’ stato nella fase centrale del primo tempo che gli ospiti umbri hanno preso maggiormente l’iniziativa ad interrompere lo stallo iniziale e lo hanno con un buon possesso e circolazione di palla aumentando, come si suol dire, i “giri” del proprio ritmo e conseguentemente della manovra.

Il Como è pur sempre una squadra temibile dalla cintola in su mettendo in mostra Gabrielloni e Gatto comunque controllati a dovere dalla puntuale difesa della Ternana.

Lungo cross di Mammarella, largo a sinistra, per Partipilo, il cui colpo di testa ad incrociare ha sfiorato il palo con Vantaggiato in agguato sottoporta.

Il goal del raddoppio era nell’aria ed è arrivato al 40’ con il colpo di testa in tuffo di Vantaggiato sul cross assist di Defendi dalla fascia destra del campo per una squadra, quella rossoverde, che ha rischiato poco o nulla in difesa facendo molta attenzione a Gatto, Gabrielloni e compagni respingendo anche il tentativo di reazione del Como, per altro debole, ad inizio secondo tempo.

La Ternana ha impreziosito la sua partita con una efficace interdizione a metà campo dove nel corso dei minuti ha aumentato la velocità dell’azione raggiungendo il massimo del risultato.

Mistr Lucarelli è partito da quello nel commento di fine esprimendo la sua soddisfazione.

“Partita dai ritmi bassi dove abbiamo rischiato poco dimostrando una certa solidità, che ci era mancata nel finale di stagione, ma anche troppi errori tecnici di controllo palla il frutto magari dell’assenza di una partita agonisticamente valida in questo finale di stagione”.

Nel secondo tempo è stata ancora la Ternana ad avere avuto una occasione importante con un tiro di Furlan dalla fascia sinistra, merito di una squadra dal cambio di fronte ancora di buona qualità.

La Ternana ha poi facilmente calato il tris al 70’ sull’asse, questa volta, Furlan – Peralta con il portiere del Como Bolchini beffato sul primo palo dal tiro vincente del centrocampista rossoverde.

Il Como, dal canto suo, ha finito con il pagare dazio oltremisura le numerose assenze per infortunio e squalifica già nella prima partita di Perugia, oltre a condizionare anche la gara con la Ternana.

La superiorità degli uomini di Lucarelli è stata comunque netta senza alibi per i lariali al tiro solamente con il mancino in diagonale di Dkidak nei primi minuti della ripresa.

Il Tabellino

COMO (4-2-3-1): Bolchini, Iovine, Bovolon, De Nuzzo, Dkidak (38’ st. Soldi), Bellerno, Celeghin, Terrani (26’ st. Daniels), Gatto (38’ st. Vincenzi), Cicconi (1’ st. Rosseti), Gabrielloni (26’ st. Walker). All. G. Gattuso

TERNANA (4-2-3-1). Iannarilli, Defendi, Boben, Kontec, Mammarella, Proietti (13’ st. Paghera), Salzano, Partipilo (29’ st. Torromino), Falletti (19’ st. Peralta), Furlan (29’ st. Russo), Vantaggiato (19’ st. Raicevic)

ARBITRO: Federico Fontani di Siena

ASSISTENTI: Carmelo De Pasquale (Barcellona Pozzo di Gotto); Emilio Micalizzi (Palermo)

IV UFFICIALE: Michele Giordano (Novara)

RETI: 20’ pt. Salzano (Ternana U.), 40’ pt. Vantaggiato (Ternana U.), 25’ st. Peralta (Ternana U.)

AMMONITI: Falletti, Paghera, Boben (Ternana U.), Di Nuzzo, Bellemo (Como)Ternana

Stefano Giovagnoli