Breda, campionato serie B: da De Rossi alla Spal ai giocatori di talento

“È un campionato equilibrato quello di serie B.  Sappiamo che il nostro grande nemico è il tempo e la mancanza di risultati e siamo noi allenatori a dover trovare le soluzioni.” Lo ha detto a Cose di Calcio, il programma in onda nella prima serata di Cusano Italia Tv, Roberto Breda, ex allenatore della Reggina con una grande esperienza nella cadetteria.

Sul gioco della Reggina e sulla Ternana

“La Reggina al momento è la squadra più costante nelle prestazioni, nella convinzione e nella personalità, ma il campionato è ancora lungo ed è tutto da dimostrare.

L’allenatore ha delle motivazioni fortissime, la squadra ha buoni giocatori e il pubblico ha voglia di tornare a vedere un certo tipo di calcio. Ci sono anche altre realtà che stanno facendo bene come il Bari e la Ternana. Quest’ultima ha una rosa altamente competitiva e completa, rispetto a prima ha trovato un giusto equilibrio, anche grazie all’ottimo feeling tra l’allenatore e il presidente. Il percorso che stanno facendo sta portando la squadra verso una crescita costante, non solo dal punto di vista dell’organico, che stanno migliorando in ogni finestra di mercato, ma anche dal punto di vista della personalità, della convinzione e del gruppo che sta diventando sempre più coeso e costante nei risultati.

Giocatori di talento in serie B

“La serie B è sempre stata fucina di grandi campioni. Se guardiamo la nazionale che ha vinto gli europei 10 giocatori su 11 provengono dalla serie B; prima non capitava quasi mai, è stata la nuova gestione Mancini a portare  alla luce molti giocatori che vengono fuori proprio dal campionato cadetto. Anche quest’anno ci sono i giovani interessanti, uno su tutti è il centrocampista della Reggina, Giovanni Fabbian che sta facendo molto bene e che ha una grande capacità di inserimento e realizzativa. Ma non è l’unico.

De Rossi alla Spal

“Per caratteristiche e per personalità sembra un predestinato. De Rossi ha anche un grande vantaggio, il papà è un grandissimo allenatore che può fornirgli suggerimenti e consigli. Da parte sua ha avuto sempre un grande carisma e un modo di vedere il calcio tutto suo. Quando era un giocatore ha dimostrato tanto e ora da allenatore può fare ancora di più.”