Un week end ricco di appuntamenti e concentrato sulle pareti dell’Arrampicata italiana.

Tiplice appuntamento concentrato in questo fine settimana per il Climbing italiano.Una arrampicata intensa nel week end. Ad Arco di Trento il primo raduno per gli 11 azzurri del paraclimbing, tra cui Bredice e Capovilla. (Foto: arrampicata Sped-3)

In Brianza torna protagonista la velocità con la seconda prova di Coppa Italia Speed, con Giulia Randi e Gian Luca Zodda

Gian Luca Zodda record

A Roma si ritrovano gli azzurri della Nazionale Elite di Boulder con anche Beatrice Colli e Ludovico Fossali

Si comincia domani in giornata ad Arco di Trento presso la società Arco Climbing dove ci sarà il primo raduno stagionale per la Nazionale italiana Paraclimbing. Tra i sei convocati internazionali P1 non mancheranno Nadia Bredice e Lucia Capovilla, rispettivamente argento e bronzo ai campionati mondiali Paraclimbing di Mosca nel 2021. Con loro anche cinque atleti nella categoria P2.

Gli azzurri del Paraclimbing hanno tutti disabilità fisiche o visive, che non impediscono la capacità di arrampicare.

Il clou del week end si avrà quindi domenica 13 marzo in Brianza, presso la Big Walls di Brugherio, vicino Monza, quando andrà in scena la seconda prova della Coppa Italia nella velocità e vedremo chi saprà rispondere ai tempi realizzati nella prima di Reggio Emilia da parte dei due vincitori Andrea Rojas e Gian Luca Zodda, suo il nuovo record italiano (5”497). In campo femminile saranno Giulia Randi della Carchidio-Strocchi Faenza, e la giovanissima Beatrice Colli, di Colico, campionessa mondiale giovanile e campionessa assoluta italiana nello speed. Sui 15 metri verticali maschili, a dare filo da torcere al velocissimo sassuolese delle Fiamme Oro Moena, saranno i soliti Ludovico Fossali dell’Esercito ed il veneto Alessandro Boulos di Venezia Verticale.

Roja sui blocchi

Tutti gli sprint sulle pareti brianzole nel pomeriggio domenicale saranno trasmessi sul canale youtube federale https://youtu.be/Bq6NmIeCqBQ : dalle 15 le prove, quindi alle 16 le qualifiche, poi alle 17,30 le finali con premiazioni a seguire, individuali e di squadra.

Ad arrampicarsi, rigorosamente imbragati, saranno complessivamente 63 climbers, 34 donne 29 uomini, rappresentanti di 22 società (Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Veneto, Sicilia, Trento) Il tempo di salutare il podio e per soli 4 di loro (Fossali, Colli, Randi e Zodda) via veloci, diretti a Roma, per raggiungere gli altri sei colleghi azzurri della fascia elite, A1 e A2, convocati dalla Fasi. Domenica 13 e lunedì 14 nella capitale si ritroveranno infatti agli ordini del direttore tecnico della Nazionale Vincenzo De Luca, Laura Rogora, la vincitrice della prima prova di Coppa Italia Boulder, Camilla Moroni, Stefano Ghisolfi, l’altotesino Michael Piccolruaz, e il tandem dell’Esercito, Giorgia Tesio e Marcello Bombardi. Lunedi 14 marzo il raduno rigu