Presentazione Superbowl Una stagione ricca di emozioni, gioie, delusioni e rinascite è pronta per vivere il suo atto finale.

Quello più importante. Quello più atteso. Quello in cui giocarsi tutto. I Giants Bolzano sono pronti per il Superbowl 2016 e per la partita che vale un’intera stagione. Sabato sera alle ore 20.45, sul terreno dello stadio Dino Manuzzi di Cesena, la truppa rossoblù sfiderà i Rhinos Milano per la finale tricolore.

Una partita che non ha probabilmente bisogno di presentazioni, alla quale i gladiatori altoatesini tornano dopo sette lunghi anni nel ruolo di “outsider” contro la grande dominatrice della regular season. L’ultima volta, correva l’anno 2009, i “magnifici Giants” piegarono per 35-21 i Marines Lazio e conquistarono il proprio primo e sin qui unico scudetto. Un traguardo storico dapprima solo sfiorato e svanito nella stagione precedente per due punti contro i Lions Bergamo. Un risultato da lì in poi a lungo inseguito e visto sfumare in diversi casi in semifinale, fino alla grande cavalcata di questo 2016. Proprio il cammino in regular season dei Giants (5W-5L) ed i due capolavori messi a segno ai quarti ed in semifinale contro le corazzate Dolphins Ancona e soprattutto Panthers Parma fanno capire come i bolzanini siano intenzionati a vender cara la pelle fino all’ultima azione, fino all’ultimo briciolo di energia contro un avversario dimostratosi sin qui una macchina perfetta. Se i rossoblù hanno patito cinque sconfitte negli ultimi quattro mesi, le 12 precedenti sfide stagionali hanno visto i Rinoceronti uscire sempre vincitori dal campo. Anche il computo degli scontri diretti recita 2-0 Rhinos, ma il 14-21 dello stadio Europa nel primo turno di IFL 2016 e soprattutto il 29-27 in terra lombarda descrivono a dovere due sfide equilibrate e combattute, nelle quali sono stati piccoli dettagli a fare la differenza.

Come fare per invertire il trend ed a imporsi nel match più atteso dell’anno? Il coaching staff altoatesino ci sta lavorando ormai da alcune settimane ed il primo passo dovrà essere quello di riuscire a contenere lo stellare attacco neroarancio, magari ripetendo la perfetta prova difensiva messa in mostra contro Parma e decisiva per l’approdo al Superbowl. Al contempo l’attacco dovrà cercare di colpire in ogni occasione utile la retroguardia avversaria, con la consapevolezza che ogni singolo drive potrebbe essere quello decisivo. Nel frattempo, per la prima volta in stagione, l’infermeria bolzanina si è svuotata: tutti a disposizione per sabato, tutti pronti a dimenticare i rispettivi acciacchi o dolori per la partita dell’anno, con i rientri di D’Eramo e Mazzanti indubbiamente utili per rinforzare ancor di più un roster finalmente al completo. “Siamo pronti – ha commentato coach Tisma alla vigilia della sfida -. Torniamo al Superbowl dopo tanto tempo, più affamati che mai. Sappiamo che non sarà semplice, ma sappiamo anche che nessun avversario è imbattibile. Rispettiamo i Rhinos, ma non li temiamo, e sono certo che ogni giocatore dei Giants saprà spingersi oltre i propri limiti per questa partita. Se siamo arrivati alla finalissima è per riportare il tricolore a Bolzano.” In bocca al lupo, gladiatori.

 

Ufficio stampa Giants