Vincere il covid anche sul campo di basket in carrozzina: OPES e Cavagnini donano al Santa Lucia Roma

Uno strumento in più per combattere il coronavirus aiutando gli atleti di basket in carrozzina del Santa Lucia Roma a potersi allenare rispettando tutte le norme anti-contagio: OPES – Rete nazionale di terzo settore, è scesa in campo, nell’ambito del Programma Emergenza Covid sviluppato con il contributo del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, per supportare una delle più grandi realtà parasportive del nostro Paese: l’S.D.D. Santa Lucia

I pacchi con mascherine, gel disinfettante e acqua sono stati consegnati alla squadra di basket del Santa Lucia dai volontari di OPES e dal testimonial Matteo Cavagnini, ex giocatore proprio del Santa Lucia e già capitano della Nazionale italiana di basket in carrozzina, che oggi si è allenato con i suoi ex compagni di squadra: “In questo periodo così difficile – ha spiegato il campione di pallacanestro – iniziative come questa sono fondamentali per aiutare le società sportive a non mollare. Ecco perché è molto importante dare agli amici del Santa Lucia una mano per proseguire la loro attività dando la possibilità a tutti di continuare a fare sport”. 

Fondata nel 1960, nel palmares del S.D.D. Santa Lucia figurano 21 Scudetti, 12 Coppe Italia, 5 Supercoppe Italiane, 3 Coppe dei Campioni, 3 Andrè Vergauwen Cup e 1 Challenge Cup. Si tratta, infatti, della società più titolata nella storia della pallacanestro in carrozzina italiana. A causa di “gravi difficoltà economiche” legate anche alla pandemia, nel 2020-2021, per la prima stagione dalla sua fondazione, il Santa Lucia Roma non partecipa al campionato di Serie A, decidendo comunque di affrontare con la sua seconda squadra il Campionato di Serie B per continuare l’impegno preso nei confronti di tutti coloro che si sono avvicinati al basket in carrozzina e che hanno bisogno di ‘rimettersi in gioco’ attraverso lo sport.