Il Magliona da pista è già sul podio con l’Osella a Magione

Esordio show del pilota sardo già nove volte campione italiano nella Velocità in Salita: nel primo weekend in circuito rimonta da 11esimo a terzo sulla Pa21 Honda nel quarto round del Master Tricolore Prototipi: “Felice del risultato, devo fare ancora tanta esperienza ma grande divertimento!”

Sassari. Omar Magliona ha esordito alla grande nelle gare in pista lo scorso weekend all’Autodromo di Magione, dove è arrivato un immediato podio su un’Osella CN2. Il forte pilota classe 1977, nove volte campione italiano Prototipi nella Velocità in Salita, ha per la prima volta partecipato a una prova del Master Tricolore Prototipi, la serie nazionale dedicata alle veloci biposto da corsa e organizzata dal Gruppo Peroni Race. Dopo i buoni riscontri nelle prove libere, sabato al volante dell’Osella Pa21 Honda da 2000cc del team toscano CMS Racing Cars si è qualificato in top-10 per gara 1 e 11esimo per gara 2, entrambe disputate domenica.

Ed è stato uno show quello del driver sassarese testimonial della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica, che fin dall’avvio ha anche messo a segno i suoi primi sorpassi, dimostrando subito lucidità nei “corpo a corpo” con gli avversari tra staccate, rettifili e cordoli. In gara 1 era risalito fino al settimo posto quando poco dopo metà dei 25 minuti previsti è stato costretto a fermarsi ai box per il surriscaldamento dell’impianto frenante e una spia dell’olio. In gara 2, invece, spettacolare la sua rimonta fino al terzo posto finale, con tanto di primo podio e ulteriori esperienze tipiche delle corse in autodromo come la gestione di un periodo di safety car e la ripartenza. La domenica sul circuito umbro è stata trasmessa in diretta integrale su MS Motor TV (canale 229 di Sky) e via web sui canali Facebook e Youtube ufficiali del Gruppo Peroni Race.

Magliona ha dichiarato dopo il fine settimana di Magione: “Sono felice del fatto che sia arrivato anche un buon risultato. Primo weekend in pista, primo podio, è un inizio incoraggiante. Naturalmente devo fare ancora tanta esperienza, però il lavoro con il team è stato proficuo e ci siamo subito fatti rispettare. Peccato un po’ di traffico in qualifica, avrei potuto fare meglio se avessi trovato un giro libero, ma mi sono davvero divertito e ora proveremo a migliorarci già dalla prossima tappa”.