Serie B – Ternana- Pordenone 1-0

“La Ternana ha vinto, ma non convinto”. Parole del presidente Stefano bandecchi , che esalta le prodezze di Iannarilli e il gran gol d Pettinari.

La Ternana soffre nel primno tempo contro il Pordenone ultima in classifica, cambia marcia nel secondo tempo e porta a casa i tre punti coun una grande giocata dell’attaccante. Domenica sfida salvezza a Vicenza.

Le mani di Iannarilli e il gran tiro da fuori area di Pettinari hanno permesso alla Ternana di respingere l’assalto del Pordenone, ultimo in classifica, e con l’1 a 0 ha visto allontanarsi l’ipotesi di essere risucchiata in zona pericolo.

Il portiere della Ternana ha “chiuso la saracinesca” ai friulani, abile al 10’ su un colpo di testa ravvicinato di Butic, straordinario su un tiro dal limite al 12’ di Vokic, ancora un allungo per deviare in corner al 19’ una conclusione di Butic, mentre la Ternana ha potuto solamente alleggerire la pressione con un paio incursioni di Pettinari.

Nel finale di primo tempo il portiere ciociaro è stato reattivo su un tiro a giro di Deli al 43’ e poi ha miracolosamente spedito sulla traversa il tap inn di Di Serio ad un metro dalla porta sguarnita.

La risposta della Ternana c’è stata solamente con Mazzocchi al 45’, il cui tiro è stato deviato e poi parato di Perisan.

Nel secondo tempo ci sarebbe voluta un’altra ternana per ribaltare un primo deludente, risultato “tenuto a galla” dall’affidabilità di Iannarilli, che ha fermato da solo o quasi uno scatenato Pordenone.

Il rientro in campo della Ternana è stato poi di personalità ed era doveroso per evitare brutte figure.

Già Palumbo ha “scaldato” in avvio, le mani al portiere avversario con un bel diagonale e poi, al 3’, Pettinari ha fatto centro con un destro a fil di palo dopo un abile dribling al limite dell’area di rigore dei neroverdi.

La conclusione “chirurgica” della punta rossoverde ha cambiato l’inerzia dell’incontro presentando una Ternana veloce e con un’altra marcia, tanto da andare al 10’ ancora al tiro con un destro angolato dello stesso Pettinari.

La squadra di Lucarelli doveva cambiare per forza, avere un approccio diverso con un atteggiamento più arrembante.

All’altezza del quarto d’ora è andato alla conclusione anche Celli appena entrato in campo al posto di Martella.

La Ternana ha così limitato il “raggio di azione” del Pordenone, che stava diventando pericoloso e così ha messo velocità e più intraprendenza al servizio del suo gioco pur dimostrando ancora grossi limiti nella fase offensiva dell’azione.

Per l’allenatore della Ternana Cristiano Lucarelli la vittoria non è poi tanto meritata: “Sono venute fuori tutte le difficoltà di questo tipo di partite quando hai tutto da perdere – dice – le prestazioni le metto in secondo piano perché si sarebbe potuto subire un contraccolpo psicologico importante. Se andiamo a ritmi troppo bassi – aggiunge – diventiamo prevedibili e questi match non esaltano le nostre caratteristiche. Magari la squadra ha più badato al sodo, che all’estetica come è successo in passato”.

Il Pordenone non si è perso d’animo costringendo la Ternana anche a difendersi come è avvenuto nel primo tempo.

La squadra ha spinto, ma è rimasta poi in dieci uomini per l’espulsione dell’attaccante Mensah dopo un fallo di reazione su Bodgan ad una decina di minuti dal termine dell’incontro.

Nell’occasione è stata fermata anche una interessante azione dei rossoverdi in contropiede.

AL 41’ i friulani si sono portati avanti con una conclusione sbilenca da fuori area deviata di testa da El Kaouakibi, ma controllata a dovere da Iannarilli mentre, dall’altra parte, nel recupero, Bassoli ha rischiato l’autorete sull’uscita di Perisan.

di Stefano Giovagnoli

TERNANA (4-3-1-2): Iannarilli, Defendi, Bogdan, Capuano, Martella (60’ Celli), Koutsoupias (73’ Diakitè), Proietti, Palumbo, Peralta (90’ Paghera), Pettinari (90’ Capone), Mazzocchi. All. C. Lucarelli

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan, El Kaouakibi, Bassoli, Dalle Mura, Andreoni, Zammarini (87’ Secli), Torrais, Vokic (56’ Cambiaghi), Deli (68’ Pasa), Di Serio (56’ Mensah), Butic (87’ Pellegrini). All. B. Tedino

ARBITRO: Davide Ghersini di Genova

ASSISTENTI: Giuseppe Marco Maccadino (Pesaro); Emanuele Daisuke Yoshikawa (Roma 1)

IV UFFICIALE: Mario Perri (Roma 1)

VAR: Antonio Rapuano (Rimini); AVAR: Nicolò Pagliardini (Arezzo)

RETI: 3’ st. Pettinari (Ternana)

AMMONITI: Vokic (Pordenone)

ESPULSO: 79’ Mensah (Pordenone) rosso diretto per fallo di reazione su Bodgan

ANGOLI: 3 a 4 per il Pordenone

RECUPERO: 0’ pt.; 5’ st. SPETTATORI: 1.163

Stefano Giovagnoli